Rito Ambrosiano

Mercoledì - 29 Luglio 2020

Settimana della VIII Domenica dopo Pentecoste

Prima Lettura

Pr 31, 10-13: 10 (Alef) Una donna forte chi potrà trovarla? Ben superiore alle perle è il suo valore.  11 (Bet) In lei confida il cuore del marito e non verrà a mancargli il profitto.  12 (Ghimel) Gli dà felicità e non dispiacere per tutti i giorni della sua vita.  13 (Dalet) Si procura lana e lino e li lavora volentieri con le mani.  

Pr 31, 19-20: 19 (Iod) Stende la sua mano alla conocchia e le sue dita tengono il fuso.  20 (Caf) Apre le sue palme al misero, stende la mano al povero.  

Pr 31, 30-31: 30 (Sin) Illusorio è il fascino e fugace la bellezza, ma la donna che teme Dio è da lodare.  31 (Tau) Siatele riconoscenti per il frutto delle sue mani e le sue opere la lodino alle porte della città.  

Seconda Lettura

Eb 13, 1-8: 1 L’amore fraterno resti saldo. 2 Non dimenticate l’ospitalità; alcuni, praticandola, senza saperlo hanno accolto degli angeli. 3 Ricordatevi dei carcerati, come se foste loro compagni di carcere, e di quelli che sono maltrattati, perché anche voi avete un corpo. 4 Il matrimonio sia rispettato da tutti e il letto nuziale sia senza macchia. I fornicatori e gli adùlteri saranno giudicati da Dio.  5 La vostra condotta sia senza avarizia; accontentatevi di quello che avete, perché Dio stesso ha detto: Non ti lascerò e non ti abbandonerò. 6 Così possiamo dire con fiducia: Il Signore è il mio aiuto, non avrò paura. Che cosa può farmi l’uomo?  7 Ricordatevi dei vostri capi, i quali vi hanno annunciato la parola di Dio. Considerando attentamente l’esito finale della loro vita, imitatene la fede. 8 Gesù Cristo è lo stesso ieri e oggi e per sempre! 

Vangelo

Lc 10, 38-42: 38 Mentre erano in cammino, entrò in un villaggio e una donna, di nome Marta, lo ospitò. 39 Ella aveva una sorella, di nome Maria, la quale, seduta ai piedi del Signore, ascoltava la sua parola. 40 Marta invece era distolta per i molti servizi. Allora si fece avanti e disse: «Signore, non t’importa nulla che mia sorella mi abbia lasciata sola a servire? Dille dunque che mi aiuti». 41 Ma il Signore le rispose: «Marta, Marta, tu ti affanni e ti agiti per molte cose, 42 ma di una cosa sola c’è bisogno. Maria ha scelto la parte migliore, che non le sarà tolta».  

Gv 11, 19-27: 19 e molti Giudei erano venuti da Marta e Maria a consolarle per il fratello. 20 Marta dunque, come udì che veniva Gesù, gli andò incontro; Maria invece stava seduta in casa. 21 Marta disse a Gesù: «Signore, se tu fossi stato qui, mio fratello non sarebbe morto! 22 Ma anche ora so che qualunque cosa tu chiederai a Dio, Dio te la concederà». 23 Gesù le disse: «Tuo fratello risorgerà». 24 Gli rispose Marta: «So che risorgerà nella risurrezione dell’ultimo giorno». 25 Gesù le disse: «Io sono la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muore, vivrà; 26 chiunque vive e crede in me, non morirà in eterno. Credi questo?». 27 Gli rispose: «Sì, o Signore, io credo che tu sei il Cristo, il Figlio di Dio, colui che viene nel mondo».  

Lectio unificata