Rito Ambrosiano

Martedì - 27 Marzo 2018

Martedì della Settimana autentica

Prima Lettura

Gb 16, 1-20: 1 Giobbe prese a dire:  2 «Ne ho udite già molte di cose simili! Siete tutti consolatori molesti.  3 Non avranno termine le parole campate in aria? O che cosa ti spinge a rispondere?  4 Anch’io sarei capace di parlare come voi, se voi foste al mio posto: comporrei con eleganza parole contro di voi e scuoterei il mio capo su di voi.  5 Vi potrei incoraggiare con la bocca e il movimento delle mie labbra potrebbe darvi sollievo.  6 Ma se parlo, non si placa il mio dolore; se taccio, che cosa lo allontana da me?  7 Ora però egli mi toglie le forze, ha distrutto tutti i miei congiunti 8 e mi opprime. Si è costituito testimone ed è insorto contro di me: il mio calunniatore mi accusa in faccia.  9 La sua collera mi dilania e mi perseguita; digrigna i denti contro di me, il mio nemico su di me aguzza gli occhi.  10 Spalancano la bocca contro di me, mi schiaffeggiano con insulti, insieme si alleano contro di me.  11 Dio mi consegna come preda all’empio, e mi getta nelle mani dei malvagi.  12 Me ne stavo tranquillo ed egli mi ha scosso, mi ha afferrato per il collo e mi ha stritolato; ha fatto di me il suo bersaglio.  13 I suoi arcieri mi circondano; mi trafigge le reni senza pietà, versa a terra il mio fiele,  14 mi apre ferita su ferita, mi si avventa contro come un guerriero.  15 Ho cucito un sacco sulla mia pelle e ho prostrato la fronte nella polvere.  16 La mia faccia è rossa per il pianto e un’ombra mortale mi vela le palpebre,  17 benché non ci sia violenza nelle mie mani e sia pura la mia preghiera.  18 O terra, non coprire il mio sangue né un luogo segreto trattenga il mio grido!  19 Ecco, fin d’ora il mio testimone è nei cieli, il mio difensore è lassù.  20 I miei amici mi scherniscono, rivolto a Dio, versa lacrime il mio occhio,  

Seconda Lettura

Tb 11, 5-14: 5 Anna intanto sedeva scrutando la strada per la quale era partito il figlio. 6 Quando si accorse che stava arrivando, disse al padre di lui: «Ecco, sta tornando tuo figlio con l’uomo che l’accompagnava». 7 Raffaele disse a Tobia, prima che si avvicinasse al padre: «Io so che i suoi occhi si apriranno. 8 Spalma il fiele del pesce sui suoi occhi; il farmaco intaccherà e asporterà come scaglie le macchie bianche dai suoi occhi. Così tuo padre riavrà la vista e vedrà la luce». 9 Anna corse avanti e si gettò al collo di suo figlio dicendogli: «Ti rivedo, o figlio. Ora posso morire!». E si mise a piangere.  10 Tobi si alzò e, incespicando, uscì dalla porta del cortile. 11 Tobia gli andò incontro, tenendo in mano il fiele del pesce. Soffiò sui suoi occhi e lo trasse vicino, dicendo: «Coraggio, padre!». Gli applicò il farmaco e lo lasciò agire, 12 poi distaccò con le mani le scaglie bianche dai margini degli occhi. 13 Tobi gli si buttò al collo e pianse, dicendo: «Ti vedo, figlio, luce dei miei occhi!». 14 E aggiunse: «Benedetto Dio! Benedetto il suo grande nome! Benedetti tutti i suoi angeli santi! Sia il suo santo nome su di noi e siano benedetti i suoi angeli per tutti i secoli. Perché egli mi ha colpito, ma ora io contemplo mio figlio Tobia». 

Vangelo

Mt 26, 1-5: 1 Terminati tutti questi discorsi, Gesù disse ai suoi discepoli: 2 «Voi sapete che fra due giorni è la Pasqua e il Figlio dell’uomo sarà consegnato per essere crocifisso».  3 Allora i capi dei sacerdoti e gli anziani del popolo si riunirono nel palazzo del sommo sacerdote, che si chiamava Caifa, 4 e tennero consiglio per catturare Gesù con un inganno e farlo morire. 5 Dicevano però: «Non durante la festa, perché non avvenga una rivolta fra il popolo».