Rito Ambrosiano

Lunedì - 05 Marzo 2018

Lunedì della III settimana di Quaresima

Prima Lettura

Gen 17, 9-16: 9 Disse Dio ad Abramo: «Da parte tua devi osservare la mia alleanza, tu e la tua discendenza dopo di te, di generazione in generazione. 10 Questa è la mia alleanza che dovete osservare, alleanza tra me e voi e la tua discendenza dopo di te: sia circonciso tra voi ogni maschio. 11 Vi lascerete circoncidere la carne del vostro prepuzio e ciò sarà il segno dell’alleanza tra me e voi. 12 Quando avrà otto giorni, sarà circonciso tra voi ogni maschio di generazione in generazione, sia quello nato in casa sia quello comprato con denaro da qualunque straniero che non sia della tua stirpe. 13 Deve essere circonciso chi è nato in casa e chi viene comprato con denaro; così la mia alleanza sussisterà nella vostra carne come alleanza perenne.  14 Il maschio non circonciso, di cui cioè non sarà stata circoncisa la carne del prepuzio, sia eliminato dal suo popolo: ha violato la mia alleanza».  15 Dio aggiunse ad Abramo: «Quanto a Sarài tua moglie, non la chiamerai più Sarài, ma Sara. 16 Io la benedirò e anche da lei ti darò un figlio; la benedirò e diventerà nazioni, e re di popoli nasceranno da lei». 

Seconda Lettura

Pr 8, 12-21: 12 Io, la sapienza, abito con la prudenza e possiedo scienza e riflessione.  13 Temere il Signore è odiare il male: io detesto la superbia e l’arroganza, la cattiva condotta e la bocca perversa.  14 A me appartengono consiglio e successo, mia è l’intelligenza, mia è la potenza.  15 Per mezzo mio regnano i re e i prìncipi promulgano giusti decreti; 16 per mezzo mio i capi comandano e i grandi governano con giustizia.  17 Io amo coloro che mi amano, e quelli che mi cercano mi trovano.  18 Ricchezza e onore sono con me, sicuro benessere e giustizia.  19 Il mio frutto è migliore dell’oro più fino, il mio prodotto è migliore dell’argento pregiato.  20 Sulla via della giustizia io cammino e per i sentieri dell’equità, 21 per dotare di beni quanti mi amano e riempire i loro tesori.  

Vangelo

Mt 6, 7-15: 7 Pregando, non sprecate parole come i pagani: essi credono di venire ascoltati a forza di parole. 8 Non siate dunque come loro, perché il Padre vostro sa di quali cose avete bisogno prima ancora che gliele chiediate.  9 Voi dunque pregate così: Padre nostro che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome,  10 venga il tuo regno, sia fatta la tua volontà, come in cielo così in terra.  11 Dacci oggi il nostro pane quotidiano,  12 e rimetti a noi i nostri debiti come anche noi li rimettiamo ai nostri debitori,  13 e non abbandonarci alla tentazione, ma liberaci dal male.  14 Se voi infatti perdonerete agli altri le loro colpe, il Padre vostro che è nei cieli perdonerà anche a voi; 15 ma se voi non perdonerete agli altri, neppure il Padre vostro perdonerà le vostre colpe.  

Lectio Vangelo